Travel Photography

Luxury Hotels and Resorts

In last three years I shooted more than 600 hotels for TripAdvisor ~ Oyster.com
Here's a small selection of some of them.

A picture is worth a thousand words

See more of my Travel Photos on:

Something about Me

The beautiful Places I've lived, the wonderful People I met and their amazing Traditions they taught me.


Here's my Story:

TO TRAVEL OR TO PHOTOGRAPH? THAT IS THE QUESTION...

Hi, my name is Marco and I was born in Genoa, the historical port city in the middle of the Italian Riviera. My story begins here infact, after I graduated in Accounting and Finance, I found myself with an important decision to make: should I work in my father's photo studio or should I satisfy my great desire to discover the World, with no money in my pocket? "When you follow what brings happiness in your heart, you'll never go wrong" has always been my best guideline so, when it came down to it, my choice was really easy to take and at the age of 22 I took off with my first one-way ticket.

LONDON (UK)

Wimbledon Park, LondonLondon was my first experience away from home, an important life lesson that confirmed my belief that the amount of energy you focus on your goal, is the key to its successful manifestation. I found that if you maintain a high level of confidence in the face of obstacles and remember your motivation then it's surprising how smooth and fast everything falls into place, as if everything is out to help you.
And so, in just a few weeks there, I was in London with a well-paid job as a waiter in a nice restaurant in Earl's Court, a beautiful house in Wimbledon Park shared with three good friends and an excellent salary that allowed me to attend an expensive English school in Oxford Street. After just one year, with nice job references, better English skills and a bit of money in my pocket, my Worldwide Passport was ready.

MARGARITA ISLAND (Venezuela), LAS VEGAS and CALIFORNIA (United States)

Isla Margarita, Venezuela It was the right time to spread my wings and fly... and so I found myself in the Caribbean on the beautiful Margarita island where I was to spend 6 months working at the Hilton Hotel, in one of the best beach restaurant of the island. From the slow and quiet Caribbean rhythm, I turned to the frantic life of Las Vegas, getting a job in an Italian luxury restaurant inside the fabulous Venetian Resort Hotel. Living and working in the Sin City allowed me to get acquainted with the world of money: I met very rich and famous people and at the same time I felt the despair of those who worked very hard during the day to gamble & lose everything at night in the several Casinos of the Strip. A city with no time and with no limits, good for those who want an unforgettable holiday, bad for those who realize that it’s all just a shallow, inauthentic limbo for tourists. Every day off was an opportunity for me to run away from Nevada, to discover the most famous beaches of California: Santa Monica, Venice Beach, Malibù and San Diego were my favourite swimming spots, even if I still remember how cold the Ocean was out there, understanding with every bit of my skin why in movies all Californian surfer always wear wetsuits. They were all great locations... but the place that really touched my heart and made me feel at home was much further away out there in the middle of the Pacific Ocean.

OAHU ISLAND (Hawaii)

Waikiki Beach, Oahu HawaiiHawaii welcomed me as if I had lived there all along: the Aloha Spirit of the locals, the strong feeling of being at one with nature and the ancient Hawaiian philosophy all lifted me into a charming magical dimension that I will remember forever. When I arrived, I was not sure that I would be able to make a living there, but as the Hawaiians say, I wouldn't get to decide on that one: "If Hawaii wants you stay, you won’t have any problems to stay". And it was very nice to feel that Hawaii was with me infact I easily found a job in a restaurant in Honolulu, a cheap rent in Waikiki, good friends to share joys and sorrows and lot of spare time to enjoy ocean & surfing. What more could I want? Well, maybe a new Green Card with no expiration date. As it was, my Green Card expired and I couldn't renew it so, even if I would have liked to stay there forever, I had to leave my paradise and return to Italy.

GENOA (Italy)

Working as Freelance Travel Photographer At this point I thought that maybe it was better for me to dedicate myself to my other passion: photography. I put aside travelling and took over my father's photo studio finding myself for the first time in my own business. I attended a private course with the famous Italian photographer Giuliana Traverso who taught me the real meaning of photography: the art of observing and capturing the soul of people, environments and situations. I remember that in our meetings we never talked about technique, lens or type of camera: her teaching was way beyond such mundane basics and to my question "how can I capture the soul of a person with the camera?" she replied in simple words that resonated deeply with me, words I will remember for ever: "you have to fall in love with what you want to photograph".
From that moment my concept of photography changed, as did my approach to everything I photographed. I also specialized myself in creative portraits, including model books, still life and interior design photography. I got the Web Developer Qualification (design and development of HTML/CSS web sites) and then, I got the Digital Graphic Design Certificate that helped me improve my technique and ability with Photoshop and Lightroom, discovering my hidden talent also for post production. After 5 years of hard work and with the satisfaction of having turned a small shop into the most profitable photo studio of the area, I felt that it was the right moment to leave the high-stress working routine that was taking over my life. It was a profitable lifestyle, but for me living needs to be more than profitable. Living is following what you love to do and that life was not what I wanted. So, I left photography and I returned to travel, looking for what I really wanted to do.

FUERTEVENTURA (Canary Islands), HOLBOX ISLAND (Mexico), ISTANBUL (Turkey), TORRI SUPERIORE (Italy)

Torri Superiore Ecovillage, ItalyI took my faithful and indestructible suitcase and I moved for a couple of months in the Canary Islands, in Fuerteventura; then I arrived in Mexico on the beautiful Isla Holbox where I stayed for another three months. I attended a Nature Photography Workshop in Gran Paradiso National Park and, a month later, I was under the snow in the beautiful city of Istanbul. But it was thanks to the three months spent as volunteer at the Torri Superiore Ecovillage that I changed my personal life vision: I learned about the importance of a healthy sustainable living, how to build a synergistic garden, how a community organizes itself and I found out how nice it was living and working together in harmony with nature. I understood that living in a simple way is much happier and richer than an ordinary life passed running every day to maintain a lifestyle that just takes away the most precious thing we have: the time... the time to play with your children, the time to have fun with your friends and partner, the time to do everything that makes you feel alive and happy.

AITUTAKI ISLAND (Cook Islands)

Wwoofer in Aitutaki, Cook Islands With this spirit, I left in March 2013 for Cook Islands, where I worked as wwoofer in a biological fruit and vegetable plantation. Also there, I met wonderful people, each one with their own history and experience, everything was enriched by the simplicity of the place and the beauty of the island of Aitutaki which, with its unforgettable atolls with white sandy beaches and turquoise water, proves that Paradise is already around us. The pleasure to photograph grew more and more every day until I finally understood what I had been looking for in a long time: traveling & photographing are my two great passions and I cannot keep them separate, they must coexist in one single activity if I want to follow my heart and not just my head... and the only professional activity that can give me this chance is Travel Photography.

MY FIRST MAGAZINE COVER

My first Magazine Cover
At this point, my direction was clear: after four months spent on Aitutaki, I decided to come back to Italy and I became a contributor for some Stock Photo Agencies. I published my web site MarcoPompeoPhotography.com and created a page on Facebook and Google+ to promote myself as a freelance Travel Photographer.
And yes... on May 2015 it arrived my first Magazine Cover:

the Hawaiian Magazine "Oahu Drive Guide" chose my photo for its four months cover.

I do not know if this way will bring me success or not... what I know for sure is:
"When you follow what brings happiness in your heart, you'll never go wrong"
so... let the adventure continue !!!

Marco Pompeo Travel Photographer
Thank you for stopping by and... see you out there ;)

Aloha Nui Loa

 

VIAGGIARE O FOTOGRAFARE? QUESTO E' IL PROBLEMA...

Ciao, mi chiamo Marco e sono nato a Genova, una bellissima cittŕ storica affacciata sul Mar Ligure. Da qui parte la mia storia infatti, dopo aver conseguito il diploma di ragioniere e perito commerciale, il mio futuro prevedeva una scelta: andare a lavorare nello studio fotografico di mio padre o soddisfare la mia grande voglia di viaggiare e scoprire il mondo, senza però avere un soldo in tasca. "Quando segui ciò che ti porta felicità nel cuore non sbagli mai" č sempre stata la risposta alla mie domande pertanto anche in quell'occasione la scelta fu facile cosě eccomi a 22 anni dal finestrino di un aereo in partenza con il mio primo biglietto di sola andata.

LONDRA (Inghilterra)

Wimbledon Park, LondraLondra č stata la mia prima esperienza lontano da casa, un'importante lezione di vita che mi ha insegnato che la quantità di energia che focalizzi nel tuo obiettivo è la chiave del successo. Mantenendo, inoltre, la fiducia nella realizzazione, la costanza nell'andare avanti contro ogni ostacolo e la giusta motivazione, potrai rimanere sorpreso da come "tutto" si muove velocemente intorno a te per aiutarti. Ed è così che, nel giro di appena qualche settimana, eccomi a Londra con un lavoro ben pagato come cameriere in un ristorante di classe a Earl's Court, una bella casetta in affitto a Wimbledon Park, tre amici fantastici con cui condividere gioie e dolori e un ottimo stipendio che mi permetteva di pagarmi anche una costosissima scuola di inglese a Oxford Street. Dopo solo un anno, grazie alle ottime referenze di lavoro maturate, qualche sterlina messa da parte ed una buona conoscenza dell'inglese, il mio Passaporto per il Mondo era pronto.

ISLA MARGARITA (Venezuela), LAS VEGAS e CALIFORNIA (Stati Uniti)

Isla Margarita, VenezuelaA quel punto dovevo solo cominciare ad aprire le ali e spiccare il volo... eccomi così nei Caraibi, nella stupenda Isla Margarita dove ho vissuto per circa 6 mesi lavorando all'Hilton Hotel di Porlamar, in uno dei ristoranti sulla spiaggia più belli dell'isola. Dal lento e tranquillo ritmo caraibico sono poi passato alla frenetica vita di Las Vegas, trovando lavoro presso un ristorante di lusso nel favoloso Venetian Hotel. Vivere e lavorare nella Sin City, mi ha permesso di conoscere il mondo dei soldi e molti dei suoi personaggi più importanti e famosi ma, allo stesso tempo, anche la disperazione dei tanti che lavoravano duramente di giorno per perdere tutto durante la notte nei tanti Casinò della Strip. Una città senza orari e senza limiti, ottima per chi vuole vivere una vacanza indimenticabile, pessima invece per chi si rende conto che tutto questo è solo un bellissimo contenitore vuoto per i turisti. Ogni giorno "off" era per me un'occasione per scappare via dal Nevada ed andare nella mia amata California con le sue famose spiagge come Santa Monica, Venice beach, Malibù, San Diego. Diventarono i miei spot preferiti anche se non dimenticherò mai quanto l'acqua dell'Oceano fosse gelata, comprendendo finalmente il perchè nei film californiani tutti i surfisti indossavano sempre delle mute. Tutte località fantastiche ma il posto che mi avrebbe toccato il cuore non era lě... era molto più distante ed in mezzo all'Oceano Pacifico.

ISOLA DI OAHU (Hawaii)

Waikiki Beach, Oahu HawaiiLe Hawaii mi hanno accolto come se avessi vissuto lì da sempre: l'Aloha Spirit dei suo abitanti, il forte feeling con la Natura e la sua antica filosofia mi hanno fatto sentire in un'affascinante dimensione magica che porterò con me per il resto della vita. Appena arrivato non ero sicuro di riuscirmi a sistemare ma, come dicono gli hawaiani: "se le Hawaii vogliono che tu rimani, tutto girerà in modo per aiutarti a rimanere". E fu una sensazione molto bella quando cominciai a sentire che quel luogo magico stava dalla mia parte infatti trovai quasi subito lavoro presso un ristorante italiano a Honolulu, un affitto "cheap" dietro la famosa spiaggia di Waikiki ed il tempo libero necessario per godermi oceano & surf. Cosa volevo di più? Probabilmente un Visa lavorativo senza scadenza visto che il mio, dopo un anno, non poteva più essere rinnovato... anche se sarei rimasto lì per sempre, non mi rimase altra scelta che lasciare il mio tanto amato paradiso per ritornare in Italia.

GENOVA (Italia)

Eccomi al lavoro come Freelance Travel PhotographerA quel punto pensai che forse era meglio dedicarmi all'altra mia passione: la fotografia. Metto così da parte la valigia e prendo in gestione lo studio fotografico di mio padre, ritrovandomi per la prima volta nel mondo del business in proprio. Seguo un corso privato con la famosa fotografa Giuliana Traverso che mi insegnň il vero senso della fotografia, l'arte di saper osservare e cogliere l'anima di persone, ambienti e situazioni. Ricordo che nei nostri incontri non abbiamo mai parlato di tecnica, di obiettivi o di macchine fotografiche: il suo insegnamento andava oltre e, alla mia domanda su "come cogliere l'anima di un soggetto", mi rispose con una frase semplice ma così profonda che la ricorderò per sempre: "Ti devi innamorare di ciò che fotografi". Da quel momento compresi il vero concetto di fotografia e l'approccio con tutto ciò che avrei fotografato. Mi specializzai così in ritratti, book fotografici, still life e nelle foto di interni. Studio e ottengo la qualifica di Tecnico Multimediale Web Developer (progettazione e realizzazione siti web in HTML/CSS) e successivamente il Digital Graphic Design Certificate che migliorerà la mia tecnica e abilità di lavoro su software come Photoshop e Lightroom, scoprendo così anche un mio talento nascosto per la post-produzione. Dopo 5 anni di duro lavoro e la soddisfazione di aver trasformato un piccolo negozio nel più rinomato e redditizio studio fotografico della zona, sento che il momento era maturo per staccarmi da quella stressante routine lavorativa che si stava impadronendo della mia vita. I guadagni erano buoni ma, per me, vivere è seguire ciò che si ama, e quella non era più la vita che volevo. Lascio così la fotografia e ritorno a viaggiare, alla ricerca di ciò che veramente volevo fare.

FUERTEVENTURA (Canarie), ISLA HOLBOX (Messico), ISTANBUL (Turchia), TORRI SUPERIORE (Italia)

Torri Superiore Ecovillage, ItalyRiprendo così la mia fedele e indistruttibile valigia e mi trasferisco un paio di mesi nelle isole spagnole delle Canarie, a Fuerteventura spostandomi successivamente in Mexico nella stupenda Isla Holbox dove vivo per altri tre mesi. Prendo parte ad un workshop di fotografia naturalistica organizzato nel Parco Nazionale del Gran Paradiso per poi ritrovarmi un mesetto sotto la neve della bellissima Istanbul in Turchia. Ma è solo grazie ai tre mesi vissuti come volontario presso l'Ecovillaggio di Torri Superiore che cambia la mia visione della vita: apprendo, infatti, l'importanza del vivere sano e sostenibile, imparo a conoscere le coltivazioni biologiche e sinergiche, l'organizzazione di una Comunità e la bellezza della vita condivisa, in armonia con la Natura. Comprendo quanto vivere in modo semplice sia molto più felice e "ricco" di chi corre quotidianamente per mantenere uno stile di vita che, senza accorgercene, ci porta via la cosa più preziosa che abbiamo: il tempo... il tempo per giocare con i figli, il tempo per divertirci con gli amici e la persona amata, il tempo per fare tutto ciò che ci fa sentire vivi e felici.

ISOLA DI AITUTAKI (Isole Cook)

Wwoofer in Aitutaki, Cook IslandsCon questo spirito, parto nel marzo 2013 per le Isole Cook, dove rimango per quattro mesi lavorando come wwoofer in una piantagione biologica di frutta tropicale. Incontro anche lì persone stupende, ognuno con la sua storia ed esperienza, rimanendo colpito dalla semplicità del posto e dalla bellezza di Aitutaki, una delle isole più belle del Pacifico. I suoi indimenticabili atolli dalla finissima sabbia bianca (Motu in lingua locale Maori), le acque cristalline di color azzurro turchese ed il verde smeraldo della vegetazione tropicale sono infatti un'emozione per gli occhi e dimostrano che non c'è bisogno di attendere: il Paradiso è già qui intorno a noi! Ritrovo così il piacere di scattare e comprendo finalmente che viaggiare & fotografare sono due grandi passioni che non posso piů tenere divise; devono coesistere insieme nella mia quotidianità se voglio vivere un'esperienza davvero stimolante e gratificante... e l'attività professionale che mi può aiutare a realizzare tutto questo č la Travel Photography.

MY FIRST MAGAZINE COVER

My first Magazine CoverA quel punto la direzione era chiara: dopo 4 mesi saluto l'Isola di Aitutaki e ritorno in Italia. Divento contributor per alcunie agenzie fotografiche e pubblico il mio sito www.MarcoPompeoPhotography.com creando cosě una pagina sia su Facebook che su Google+ per promuovere la mia nuova attivitŕ di Travel Photographer.

E nel maggio 2015 eccola arrivare... la mia prima Copertina:
la Rivista Hawaiiana "Oahu drive Guide" sceglie la mia foto per la sua copertina quadrimestrale.

Non so se questa attività mi porterà successo oppure no... quello che so per certo è che:
"Quando segui ciò che ti porta felicità nel cuore non sbagli mai"
pertanto.... che l'avventura continui !!!

Marco Pompeo Travel Photographer
Grazie per essere passato di qui e... ci vediamo in giro ;)

Aloha Nui Loa

 


MY TRAVEL COMPANIONS

CAMERA: Canon 5D Mark II - TRIPOD: Benro Travel Angel A-1690
LENS: Canon EF 16-35mm/2.8 L II USM, Canon EF 70-200/4.0, Canon 50mm/1.8


THE EYE OF KANALOA

The Eye of Kanaloa The pattern itself represents the AKA WEB, or the Web of Life, the symbolic connection of all things to each other. The 8 lines represent MANA, or spiritual power, because the numer eight in Hawaiian tradition is symbolic of great power. The 4 circles represent ALOHA, or love, because the word "ha" is a part of the word "aloha" and also means "life" and the number four. The circles and lines together symbolize the harmony of Love and Power as an ideal to develop.
The Star pattern represents the 7 Priciples of HUNA and the ring around the star representing KU, the Physical or Subconscious Self. One point of the star is always down, aligned with a straight line of the web, representing the connection of the inner with the outer. For more information: www.huna.org
 

Get in Touch

For any requests or comments please don't hesitate to contact me.